Federico Motta Editore
Società

Federico Motta Editore: il premio Nobel per la fisica a Giorgio Parisi

0 5

Giorgio Parisi nasce nel 1948 e, prima di diventare docente di fisica teorica presso l’Università di Roma La Sapienza, è stato allievo del fisico italiano Nicola Cabibbo. Federico Motta Editore celebra il premio Nobel per la fisica, conferitogli, insieme ai climatologi Klaus Hasselmann e Syukuro Manabe, “per la scoperta dell’interazione di disordini e fluttuazioni nei sistemi fisici, dalla scala atomica alla scala planetaria”. Era da tempo che l’Accademia di Svezia non premiava un italiano, nonostante i tanti potenziali candidati, tra i quali il grande Umberto Eco, e adesso l’Italia torna a festeggiare un suo intellettuale. Nell’Enciclopedia Motta e nei Decenni di storia contemporanea, Federico Motta Editore parla di Parisi e degli altri premi Nobel italiani. Giorgio Parisi è conosciuto in tutto il mondo soprattutto per i suoi studi sui sistemi complessi. Si tratta di sistemi dinamici che sono a loro volta composti da altri sistemi dinamici più semplici e nella cui definizione rientrano una pluralità di fenomeni, dalla scala degli atomi ai sistemi planetari. Lo studio dei sistemi complessi ha permesso a Parisi di realizzare dei modelli per poter studiare anche fenomeni appartenenti ad altri campi come i cambiamenti climatici e l’evoluzione della pandemia di Covid-19.
Nel corso degli anni, come ricorda Federico Motta Editore, ci sono stati tanti intellettuali italiani che sono stati a un soffio dal vincere il premio Nobel, riconosciuto in totale a 20 connazionali. Umberto Eco, ad esempio, grazie ai suoi scritti e alle sue opere, è stato spesso accreditato dalla stampa come un papabile candidato al premio Nobel per la letteratura e come lui tanti altri. Tra i primi italiani ad avere l’onore di ricevere il premio ci furono Giosuè Carducci e Camillo Golgi nel lontano 1906. I due sono stati poi seguiti da Marconi, Segrè, Fermi, Rubbia, Giacconi e Parisi per quanto riguarda la fisica. Deledda, Pirandello, Quasimodo, Montale e Fo hanno vinto invece il premio per la letteratura. Il premio Nobel per la medicina è stato conferito a Bovet, Dulbecco, Levi Montalicini e Capecchi, un premio Nobel per la pace è andato a Moneta, uno per la chimica è stato vinto da Natta e infine Modigliani si è conquistato il premio Nobel per l’economia.

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

News

Tag

21 Investimenti A2A Alessandra Fornasiero Alessandro Belloni Alessandro Benetton Alkemy Alkemy S.p.A. Almo Collegio Borromeo Amos Genish Andrea Girolami Andrea Mascetti Andrea Prencipe Anna Tavano Antonio Franchi Antonio Liseno Arturo Bastianello Auro Palomba Beatrice Trussardi Bernardo Bertoldi Carlo Malinconico Claudio Descalzi Clouditalia Cogefim Community Community Group Cristina Scocchia Davide Apollo Davide Serra Diego Biasi EI Towers Elisabetta Ripa Emanuele Degennaro Enel Ernesto Pellegrini EXITone Ezio Bigotti F2i fabbro Fabio Inzani Fabrizio Palermo Federico Cervellini Federico Motta Editore FME Education Fondazione Giovani Leoni ETS Frabemar Francesco Bevere Francesco Starace FSI Gianfranco Battisti Gianluca Ius Giovanni Lo Storto Giuseppe Recchi Gregorio Fogliani Gruppo Danieli Gruppo PAM Gruppo Riva Gruppo Uvet ICS Maugeri S.p.A. ICS Maugeri Spa IRIDEOS Lorenzo Damia Luca Valerio Camerano Luigi Ferraris L’Oréal Italia Marcella Marletta Marilisa D’Amico Mario Melazzini Mario Putin Martin Gruschka Mauro Moretti Mauro Ticca Municipia S.p.A. PAM Paola Severino Paolo Campiglio Paolo Risso Parajumpers Pessina Costruzioni PFE S.p.A. Quercus Quercus Assets Selection Renato Ravanelli Rinaldo Ceccano Salvatore Leggiero Salvatore Navarra Sebastien Clamorgan Serenissima Ristorazione Springwater Capital LLC Springwater Capital LLC Stefano De Capitani Stefano Donnarumma Susanna Esposito t2i Terna TWT Valeur Group Venia international Vito Gamberale Vittorio Massone William Fabbro