Luciano Castiglione
Società

Il New Green Deal europeo spiegato da Luciano Castiglione

0 21

Il sogno di un’Europa a impatto zero rappresenta un ambizioso traguardo dal quale però nessun Paese può più tirarsi indietro. Per raggiungere un simile obiettivo è indispensabile adottare una strategia congiunta tra tutti i membri dell’Unione Europea. Tale strategia prende il nome di New Green Deal. Se ne è sentito molto parlare ma potrebbe essere utile avere un quadro chiaro su come si traduca poi effettivamente nella pratica. Con questo proposito Luciano Castiglione fornisce una spiegazione accurata sul New Green Deal. Prima di tutto chiarisce che si tratta appunto di una strategia europea che ha come fine ultimo quello di arrivare alla decarbonizzazione entro il 2050. Spingersi in tale direzione significherebbe per l’Europa godere di un’economia moderna, efficiente e soprattutto competitiva nel panorama internazionale. Riuscire nell’intento di diventare il primo continente a impatto climatico zero al mondo dipenderà molto da due fattori fondamentali: la ricerca e l’innovazione. Saranno queste a permettere di accelerare le transizioni, a diffondere nuove soluzioni a rischio ridotto e a coinvolgere i cittadini nell’innovazione sociale.
Come riporta Luciano Castiglione, l’iniziale obiettivo di neutralità climatica entro il 2050 è stato modificato dalla Commissione europea che ha deciso di innalzare l’obiettivo intermedio del 2030 dal -40% al -55%. Ma come si traduce questo nella pratica? Il focus principale dell’operazione si dividerebbe sostanzialmente tra la decarbonizzazione del settore energetico e la trasformazione della mobilità. Se si pensa infatti che il settore energetico da solo è responsabile di oltre il 75% delle emissioni di gas a effetto serra, la decisione di concentrarsi su di esso è senz’altro più che giustificata. Stando agli obiettivi stabiliti, tutta l’energia dovrà provenire da fonti rinnovabili. Per quanto riguarda invece la mobilità, si aspira a ridurre le emissioni prodotte dai trasporti del 90%. Per farlo sarà necessario reinventare l’intero trasporto stradale, ferroviario, aereo e marittimo, puntando sull’utilizzo di carburanti alternativi e sull’elettrificazione.
Portare a termine tali cambiamenti richiede ovviamente uno sforzo economico enorme. Attualmente l’Europa ha previsto una spesa pari a 350 miliardi di euro che serviranno a coprire gli investimenti relativi al periodo 2021-2030. I benefici che ne deriverebbero sarebbero diversi. Tra questi ci sono sicuramente una riduzione del 60% dell’inquinamento e minori danni alla salute per un valore di 110 miliardi di euro (entrambi rispetto al 2015), oltre a minori costi di controllo dell’inquinamento atmosferico (nel 2030 si dovrebbe arrivare a risparmiare fino a 5 miliardi di euro).
Secondo Luciano Castiglione, affinché il piano sia realmente sostenibile, anche da un punto di vista economico, è necessaria una forte presa di coscienza da parte sia dei Governi che dei cittadini, unita ad un importante sviluppo delle tecnologie. D’altronde, come saggiamente sottolineava Winston Churchill, “non sempre cambiare equivale a migliorare, ma per migliorare bisogna cambiare”.

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

News

Tag

21 Investimenti Alessandra Fornasiero Alessandro Belloni Alessandro Benetton Alkemy Alkemy S.p.A. Almo Collegio Borromeo Amos Genish Andrea Girolami Andrea Prencipe Anna Tavano Antonio Franchi Antonio Mastrapasqua Arturo Bastianello Auro Palomba Beatrice Trussardi Bernardo Bertoldi Carlo Malinconico Claudio Descalzi Clouditalia Cogefim Community Community Group Cristina Scocchia Davide Apollo Davide Serra Diego Biasi EI Towers Elisabetta Ripa Emanuele Degennaro Enel Eni Ernesto Pellegrini EXITone Ezio Bigotti F2i fabbro Fabio Inzani Fabrizio Palermo Federico Cervellini Federico Motta Editore FME Education Fondazione Giovani Leoni ETS Frabemar Francesco Bevere Francesco Starace FSI Gianfranco Battisti Gianluca Ius Gianpietro Benedetti Giovanni Lo Storto Giuseppe Recchi Gregorio Fogliani Gruppo Danieli Gruppo PAM Gruppo Riva Gruppo Uvet ICS Maugeri S.p.A. ICS Maugeri Spa IRIDEOS Le Macchine Volanti Lorenzo Damia Luca Patanè Luca Valerio Camerano Luigi Ferraris L’Oréal Italia Marcella Marletta Marilisa D’Amico Mario Putin Martin Gruschka Martin Gruschka Mauro Moretti Mauro Ticca PAM Paolo Campiglio Paolo Risso Parajumpers Pegaso 2000 Pessina Costruzioni PFE S.p.A. Quercus Quercus Assets Selection Renato Mazzoncini Renato Ravanelli Rinaldo Ceccano Salvatore Leggiero Salvatore Navarra Sebastien Clamorgan Serenissima Ristorazione Springwater Capital LLC Springwater Capital LLC Stefano Donnarumma Susanna Esposito t2i Terna TWT Venia international Vito Gamberale Vittorio Massone William Fabbro