Sport

Pessina Costruzioni e il J Village: il l’innovativo progetto della società di Massimo Pessina

0 22

La realizzazione dell’innovativa sede della Juventus, denominata J Village, ha preso avvio a settembre 2015 e prevede la fine dei lavori, nonché l’inaugurazione, entro il mese di giugno 2017, così come confermato dall’Amministratore delegato della squadra Aldo Mazzia. Queste le tempistiche per la società di Massimo Pessina, Pessina Costruzioni, il cui progetto prevede i lavori su un’area estesa complessiva su 140mila metri quadrati, di cui 34mila edificati, che comprenderanno non solo la nuova sede della Juventus, ma anche un hotel, una scuola internazionale e un concept store. Tutte le strutture che verranno realizzate dalla Pessina Costruzioni avranno gli arredi ispirati al team bianconero.

Un progetto, quello realizzato da Pessina Costruzioni, in grado addirittura di superare gli standard nel contesto europeo di importanti squadre internazionali, in quanto, come affermato dall’Ad Aldo Mazzia, “risulta essere il primo ad avere una quantità e qualità di strutture, non solo sportive, di questo livello di proprietà, con attività complementari a quella calcistica”.

La sede prescelta per accogliere il J Village è quella della Continassa, collocata nella periferia nord-ovest di Torino, che ha conosciuto negli anni un progressivo deterioramento sociale ed urbanistico. Il progetto che verrà portato avanti con le costruzioni realizzate dalla società di Massimo Pessina, rappresenta dunque una grande opportunità di recupero per tale area, oltre ad avere un importante risvolto occupazionale con la creazione di 350 posti di lavoro, così come affermato dall’assessore all’Urbanistica di Torino, Stefano Lo Russo. Per quanto riguarda l’afflusso potenziale di gente sull’area, le previsioni sono ottimistiche e parlano di cifre che varieranno dai 500 ai 750 mila ogni anno.

Pessina Costruzioni e il J Village: il l’innovativo progetto della società di Massimo Pessina 5.00/5 (100.00%) 1 vote

Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

  • Italiano
  • English
  • Norvegese
  • Français

Ultime news