Sport

Pilota e imprenditore automobilistico: il percorso professionale di Adriano Zerla

0 10

Appassionato di auto da corsa, Adriano Zerla diviene molto giovane pilota automobilistico, vincendo a soli 18 anni la competizione Malegno-Borno, riuscendo anni dopo ad affiancare a tale carriera quella di imprenditore sportivo, entrando in società con la scuderia Delta Racing.

La carriera automobilistica di Adriano Zerla

Adriano Zerla - PilotaCresciuto in prossimità della strada principale percorsa dalla nota corsa automobilistica Malegno-Borno, Adriano Zerla coltiva sin da giovanissimo la passione per tale competizione. All'età di 13 anni decide di cimentarsi nella guida per emulare quei piloti da lui tanto ammirati, pur non avendo ricevuto alcuna nozione su come condurre una vettura e dimostrando, così, la sua predisposizione alla guida. Acquista la sua prima auto alla sola età di 17 anni, la quale, non essendo in possesso della patente di guida, finisce distrutta in un incidente. Conseguita la patente di guida l'anno successivo, accoglie l'incoraggiamento di un amico ad iscriversi alla tanto agognata competizione Malegno-Borno: Adriano Zerla si posiziona primo tra 23 concorrenti, con una A 112 Abarth modificata per l'occasione. Grazie a questa vittoria prende il via la sua carriera da pilota, che conduce con fortune alterne, conquistando 70 vittorie in differenti categorie e alla conduzione di differenti modelli di autovetture. In questo senso il periodo più proficuo della carriera si colloca negli anni che intercorrono tra il 2005 e il 2011, quando ha occasione di partecipare ad importanti competizioni italiane ed europee. Alla carriera di pilota affianca quella di istruttore di guida sportiva, sia su pista che sulla neve, oltre a quella di collaudatore di vetture da competizione per importanti case automobilistiche.

Pilota e imprenditore automobilistico: il percorso professionale di Adriano Zerla 5.00/5 (100.00%) 5 votes

Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

  • Italiano
  • English
  • Norvegese
  • Français

Ultime news